Brasile

Nova Iguaçu

Padre Renato Chiera è in Brasile a Miguel Couto, Nova Iguaçu R.J., nella Baixada Fluminense, sterminata favelas di 6.000.000 di abitanti. La maggior parte di essi vive in casupole fatiscenti, non c'è lavoro, ci sono poche famiglie regolari, le donne si trovano con molti figli di padri diversi. Quasi sempre le madri vanno a Rio a servizio nelle case dei ricchi, lasciando i figli soli per tutta la settimana. Al loro ritorno, molte volte non li ritrovano. I bambini formano delle grosse bande, si aiutano l'un l'altro. Da piccoli trovano facilmente chi li aiuta, ma crescendo sono costretti a rubare, a spacciare droga. Le bambine si prostituiscono. Ci sono delle famiglie che nascono, vivono, muoiono senza aver mai avuto una casa. In questi ultimi anni è aumentato sempre di più il nostro impegno in supporto a Padre Renato Chiera che si occupa dei ragazzi di strada attraverso l'opera da lui fondata che si chiama “Casa do Menor”. Ha scritto un libro, Meninos de rua, dove racconta episodi agghiaccianti. Con la sua testimonianza ha sensibilizzato il mondo sul problema dei ragazzi di strada. Ha costruito case famiglia, asili, scuole ed anche molti laboratori e scuole professionali ridando speranza ai suoi ragazzi e a tutto il quartiere. Ogni giorno mangiano nelle sue scuole più di 1.000 ragazzi.


 

Per lui organizziamo i sostegni a distanza e nel 1999 i nostri volontari hanno realizzato a Nova Iguaçu una Casa Famiglia (Casa AGAPE) per le bambine abbandonate, ed avviate alla prostituzione. La casa è pienamente operativa e, a detta di Padre Renato, è la sua casa più bella, pur essendo quella costata meno. Questo riconferma che quando si opera direttamente e con il cuore, impegnando i soldi raccolti con tanta fatica il risultato non può mancare.